One imaginary boy

I'm 25,i love analogue cameras and Joy Division.
During the night i often eat pizza

rewindmagazine:

Giovanni Licitra
(To read it in English, skip to the end of the page or click here)
Oggi Rewind Magazine ha avuto la possibilità di conoscere un lettore, nonchè fotografo per passione che vive a Bologna. Prima di leggere il resto, non dimenticatevi di mettere un paio di cuffie e di ascoltare buona musica, perché l’intervista di oggi sarà a tema musicale! Infatti, le particolari foto di Giovanni, o Nanni, sono ispirate ai grandi classici della musica, di cui lui stesso è un fan accanito.

Ciao Giovanni parlaci un po di te, da dove vieni e cosa fai? Sono un ragazzo siciliano di 25 anni. Da 6 anni vivo a Bologna, dove studio giurisprudenza. Oltre a cercare di laurearmi, passo le mie giornate ascoltando musica e immaginando cose che non esistono. Mi piacciono le fotocamere analogiche, i Joy Division e la pizza.
Sei entrato a far parte del mondo della fotografia da solo, oppure questa passione ti é stata trasmessa da qualcun altro? Sin da piccolo subivo una grossa attrazione da parte del cassetto di casa dove i miei genitori tenevano tutte le vecchie foto di famiglia. Passavo delle ore a guardarle, mi rilassava molto sfogliare quegli album -  quindi più che farle le foto, diciamo che mi piaceva guardarle.Poi a convincermi a comprare la mia prima fotocamera è stato un amico, “Peppe” che ringrazio soprattutto per avermi insegnato le basi.

Curiosando sul tuo account flickr abbiamo notato che scatti prevalentemente in analogico, come mai questa scelta? Crescendo, e cominciando ad ascoltare musica la mia attenzione si era spostata sulle foto delle grandi band del passato (The Smiths, The Doors, Pink Floyd, The Velvet Underground). Ascoltare la loro musica e vedere quelle foto datate, così realistiche quanto surreali, mi affascinava tantissimo. Non avevano niente a che vedere con il moderno digitale. Questo mi ha spinto a cominciare a scattare in analogico, sperimentando vari tipi di pellicole, formati (35mm, 120mm,110mm, Instant) e tecniche fino ad usare polvere e impronte digitali sui negativi da scannerizzare, come una  post produzione “manuale”: restando ogni volta sempre più soddisfatto e sorpreso dai risultati.Recentemente, grazie a David La Tache, fondatore del sito ishotpix.com ( https://www.facebook.com/ishotpix?fref=ts ), mi è stata data la possibilità di ottenere pass foto per vari eventi musicali dove scatto gallery in analogico cercando di ricreare le atmosfere di quelle foto che tanto mi hanno affascinato (cosa che mi diverte moltissimo).

C’é una macchina fotografica e pellicola preferita? Non ho una macchina preferita. Mi piace molto variare e provarne diverse anche se prediligo le fotocamere meccaniche da 35 mm per una questione di comodità (numero di foto,sviluppo e costi). Per quanto riguarda le pellicole ce ne sono tante che uso spesso, ma le mie preferite in assoluto sono per il bianco e nero le pellicole Ilford (se voglio un po’ più di grana uso l’HP5 400, se ne voglio meno il Delta 400); per il colore preferisco i  Kodak Portra, specialmente le ISO 400 e 800: rendono i colori molto saturi, specialmente in scarse condizioni di luce.

Fotografia testa o cuore?   Più che testa o cuore, penso si tratti di occhio o meglio di “punto di vista”. Ognuno di noi ne ha uno. Solo che quello di alcuni è più interessante di quello di altri.
Una foto che hai scattato e che ti piace di più. Perché? Ad essere sincero non ho tra le mie foto una preferita. Sono inoltre molto critico con i miei lavori. Però una a cui sono più legato c’è. E’ questa qui, perché è stata la prima volta che sono riuscito a fotografare quello che avevo visto.

Ringraziamo Giovanni e ricordiamo ai nostri lettori che le foto presenti nell’articolo sono di proprietà esclusiva di Giovanni Licitra ©.Segui Giovanni su…TumblrTwitter: @NanniLicitraflickrFacebook
English:
Today, Rewind Magazine had the chance of meeting a reader, and an amateur photographer from Bologna, Italy. Before reading the rest, make sure to put your headphones on and listen to some good music, because today’s interview will be music-themed! The particular pictures of Giovanni, or Nanni, are inspired to the great masterpieces of the music, because he is indeed a music addicted!

Hello Giovanni, please introduce yourself to our readers.I am a 25-years-old boy from Sicilia, Italy. Since 6 years I’ve been living in Bologna, where I study Law. Besides trying to get a degree, I spend my days listening to some music and imagining things that don’t exist. I like analogue cameras, Joy Division and Pizza.

Did you join the photography world on your own, or was this passion transmitted by someone else?Since I was a child, I was extremely attracted by the drawer where my parents used to put all our family photos. I spent some hours looking at them, it calmed me to look at those albums. So, I would say that I liked more looking at pictures than taking them. Who convinced me to buy my first camera was a friend, Peppe, who I thank profoundly for teaching me the basis.
By looking your flickr account, we noticed that you shoot mainly in analogue, why?Growing up, and starting to listen to some music, my attention moved to the pictures of the great bands of the past (The Smiths, The Doors, Pink Floyd, The Velvet Underground). Listening to that music, and watching those pictures, so real and surreal at the same time, fascinated me a lot. They had nothing to do with the modern digital photography. This pushed me to start shooting in analogue, experimenting with different kinds of films, sizes (35mm, 120mm,110mm, Instant) and techniques, such as using dust and digital prints on the negatives to be developed, a sort of ‘manual’ post production. Every time I am more and more surprised and satisfied from the results.Recently,  thanks to David La Tache, founder of the website ishotpix.com ( https://www.facebook.com/ishotpix?fref=ts ), I had the chance to get photographic passes for various musical events where I shoot galleries in analogue, trying to get that atmospheres from the pictures that used to fascinate me (a thing I like).

Is there a favorite camera or film?I don’t have a favorite camera. I like to try new and different things, even if I prefer the mechanic 35mm cameras, because they are more comfortable. Speaking about films, there are many I use a lot, but my favorites are: for the black and white the Ilford films (if I want more grain i use HP5 400, if I want less, I use the Delta 400) for the colour, I prefer the Kodak Portra, especially the ISO 400 and 800: they make the colors more saturated in low light conditions.
Photography: Head or Heart?I think that, more than head or heart, it’s about the eye or the point of view. Everyone of us has one. It’s just that the one of some people it’s more interesting than one of others.
A picture you took you like most. Why?To be honest, I don’t have a favorite picture. Besides, I am very critique with my works. But there is a picture to which I am very tied. It was the first time I was able to shoot exactly what I had seen.

We thank Giovanni for his time, and we remember our readers that the pictures in the article are solely property of Giovanni Licitra ©.





Follow Giovanni on…TumblrTwitter: @NanniLicitraflickrFacebook

rewindmagazine:

Giovanni Licitra

(To read it in English, skip to the end of the page or click here)

Oggi Rewind Magazine ha avuto la possibilità di conoscere un lettore, nonchè fotografo per passione che vive a Bologna. Prima di leggere il resto, non dimenticatevi di mettere un paio di cuffie e di ascoltare buona musica, perché l’intervista di oggi sarà a tema musicale! Infatti, le particolari foto di Giovanni, o Nanni, sono ispirate ai grandi classici della musica, di cui lui stesso è un fan accanito.

Ciao Giovanni parlaci un po di te, da dove vieni e cosa fai?
Sono un ragazzo siciliano di 25 anni. Da 6 anni vivo a Bologna, dove studio giurisprudenza. Oltre a cercare di laurearmi, passo le mie giornate ascoltando musica e immaginando cose che non esistono. Mi piacciono le fotocamere analogiche, i Joy Division e la pizza.



Sei entrato a far parte del mondo della fotografia da solo, oppure questa passione ti é stata trasmessa da qualcun altro?
Sin da piccolo subivo una grossa attrazione da parte del cassetto di casa dove i miei genitori tenevano tutte le vecchie foto di famiglia. Passavo delle ore a guardarle, mi rilassava molto sfogliare quegli album -  quindi più che farle le foto, diciamo che mi piaceva guardarle.
Poi a convincermi a comprare la mia prima fotocamera è stato un amico, “Peppe” che ringrazio soprattutto per avermi insegnato le basi.


Curiosando sul tuo account flickr abbiamo notato che scatti prevalentemente in analogico, come mai questa scelta?
Crescendo, e cominciando ad ascoltare musica la mia attenzione si era spostata sulle foto delle grandi band del passato (The Smiths, The Doors, Pink Floyd, The Velvet Underground). Ascoltare la loro musica e vedere quelle foto datate, così realistiche quanto surreali, mi affascinava tantissimo. Non avevano niente a che vedere con il moderno digitale. Questo mi ha spinto a cominciare a scattare in analogico, sperimentando vari tipi di pellicole, formati (35mm, 120mm,110mm, Instant) e tecniche fino ad usare polvere e impronte digitali sui negativi da scannerizzare, come una  post produzione “manuale”: restando ogni volta sempre più soddisfatto e sorpreso dai risultati.
Recentemente, grazie a David La Tache, fondatore del sito ishotpix.com ( https://www.facebook.com/ishotpix?fref=ts ), mi è stata data la possibilità di ottenere pass foto per vari eventi musicali dove scatto gallery in analogico cercando di ricreare le atmosfere di quelle foto che tanto mi hanno affascinato (cosa che mi diverte moltissimo).


C’é una macchina fotografica e pellicola preferita?
Non ho una macchina preferita. Mi piace molto variare e provarne diverse anche se prediligo le fotocamere meccaniche da 35 mm per una questione di comodità (numero di foto,sviluppo e costi). Per quanto riguarda le pellicole ce ne sono tante che uso spesso, ma le mie preferite in assoluto sono per il bianco e nero le pellicole Ilford (se voglio un po’ più di grana uso l’HP5 400, se ne voglio meno il Delta 400); per il colore preferisco i  Kodak Portra, specialmente le ISO 400 e 800: rendono i colori molto saturi, specialmente in scarse condizioni di luce.


Fotografia testa o cuore?  
Più che testa o cuore, penso si tratti di occhio o meglio di “punto di vista”. Ognuno di noi ne ha uno. Solo che quello di alcuni è più interessante di quello di altri.



Una foto che hai scattato e che ti piace di più. Perché?
Ad essere sincero non ho tra le mie foto una preferita. Sono inoltre molto critico con i miei lavori. Però una a cui sono più legato c’è. E’ questa qui, perché è stata la prima volta che sono riuscito a fotografare quello che avevo visto.

Ringraziamo Giovanni e ricordiamo ai nostri lettori che le foto presenti nell’articolo sono di proprietà esclusiva di Giovanni Licitra ©.

Segui Giovanni su…
Tumblr
Twitter: @NanniLicitra
flickr
Facebook


English:

Today, Rewind Magazine had the chance of meeting a reader, and an amateur photographer from Bologna, Italy. Before reading the rest, make sure to put your headphones on and listen to some good music, because today’s interview will be music-themed! The particular pictures of Giovanni, or Nanni, are inspired to the great masterpieces of the music, because he is indeed a music addicted!


Hello Giovanni, please introduce yourself to our readers.
I am a 25-years-old boy from Sicilia, Italy. Since 6 years I’ve been living in Bologna, where I study Law. Besides trying to get a degree, I spend my days listening to some music and imagining things that don’t exist. I like analogue cameras, Joy Division and Pizza.


Did you join the photography world on your own, or was this passion transmitted by someone else?
Since I was a child, I was extremely attracted by the drawer where my parents used to put all our family photos. I spent some hours looking at them, it calmed me to look at those albums. So, I would say that I liked more looking at pictures than taking them.
Who convinced me to buy my first camera was a friend, Peppe, who I thank profoundly for teaching me the basis.



By looking your flickr account, we noticed that you shoot mainly in analogue, why?
Growing up, and starting to listen to some music, my attention moved to the pictures of the great bands of the past (The Smiths, The Doors, Pink Floyd, The Velvet Underground). Listening to that music, and watching those pictures, so real and surreal at the same time, fascinated me a lot.
They had nothing to do with the modern digital photography. This pushed me to start shooting in analogue, experimenting with different kinds of films, sizes (35mm, 120mm,110mm, Instant) and techniques, such as using dust and digital prints on the negatives to be developed, a sort of ‘manual’ post production. Every time I am more and more surprised and satisfied from the results.
Recently,  thanks to David La Tache, founder of the website ishotpix.com ( https://www.facebook.com/ishotpix?fref=ts ), I had the chance to get photographic passes for various musical events where I shoot galleries in analogue, trying to get that atmospheres from the pictures that used to fascinate me (a thing I like).


Is there a favorite camera or film?
I don’t have a favorite camera. I like to try new and different things, even if I prefer the mechanic 35mm cameras, because they are more comfortable. Speaking about films, there are many I use a lot, but my favorites are:
for the black and white the Ilford films (if I want more grain i use HP5 400, if I want less, I use the Delta 400)
 for the colour, I prefer the Kodak Portra, especially the ISO 400 and 800: they make the colors more saturated in low light conditions.


Photography: Head or Heart?
I think that, more than head or heart, it’s about the eye or the point of view. Everyone of us has one. It’s just that the one of some people it’s more interesting than one of others.



A picture you took you like most. Why?
To be honest, I don’t have a favorite picture. Besides, I am very critique with my works. But there is a picture to which I am very tied. It was the first time I was able to shoot exactly what I had seen.

We thank Giovanni for his time, and we remember our readers that the pictures in the article are solely property of Giovanni Licitra ©.



Follow Giovanni on…
Tumblr
Twitter: @NanniLicitra
flickr
Facebook

3mezzi:

Foto del giorno  Scattata e pubblicata sul gruppo Flickr da OnelmaginaryBoy35mm

 Tutti i diritti riservati all’autore

3mezzi:

Foto del giorno
Scattata e pubblicata sul gruppo Flickr da OnelmaginaryBoy35mm


Tutti i diritti riservati all’autore

JUNGLE ARMY 6° B-BASH ft FOUNDATION SOUND @ Sottotetto,Bologna.

Kenlock Kg1+Kodak Portra 400

East Berlin
Zenit E+Ilford Delta 400
East Berlin 
Zenit E+Ilford Delta 400

 Street art, Berlin

Zenit E+Fuji Superia X-tra 400

Photoautomat,Berlin
Zenit E+Fuji Superia X-tra 400

Chinese Man + Dj Food Live @ Link ,Bologna

Fuji Stx-2+Ilford Delta 400

http://ishotpix.com/2014/02/chinese-man-gallery

http://www.youtube.com/watch?v=8vB0iv-WxTA

Chinese Man + Dj Food Live @ Link ,Bologna

Cameras:Fuji Stx 2 & Lomography La Sardina

Film:Konica Centuria 100 & Kodak Ultra 400

http://ishotpix.com/2014/02/chinese-man-gallery

oneimaginaryboy88:

  Zenit-E+Ilford HP5

oneimaginaryboy88:

  Zenit-E+Ilford HP5

Diaframma live @ Locomotiv Club,Bologna

 Kenlock kg1+Ilford Delta 400 B/W

http://www.youtube.com/watch?v=tTukmfeU_Uo

http://ishotpix.com/2014/01/diaframma-live-gallery

Toylet
Kenlock kg1+Kodak Portra 400
Testaintasca live @ Estragon club,Bologna
Kenlock kg1+Kodak Portra 400
http://ishotpix.com/2014/01/icani-live-gallery
Kenlock Kg-1+fuji velvia 50 
I Cani la band
Joy Division tribute.
http://ishotpix.com/2014/01/icani-live-gallery

Kenlock Kg1+Fuji Velvia 50

I Cani la band live at Estragon club,Bologna

http://ishotpix.com/2014/01/icani-live-gallery

>